Geowine: il localizzatore di Plaimont

Che cos’è Geowine?

Si tratta di un progetto condotto dalla cooperativa di produzione vinicola Plaimont che consentirà di:

  1. Anticipare la futura Direttiva della Commissione Europea sui vini finalizzata a riformare e semplificare l’etichettatura delle bottiglie
  2. Avere uno strumento in più per combatere la contraffazione che oggi rappresenta tra l’8 e il 20% del commercio internazionale del vino.
  3. Sviluppare un partenariato di ricerca con le imprese finalizzato ad un nuovo prodotto di getracciabilità ed autentificazione fonte di sviluppo di un nuovo valore aggiunto per le imprese.

Entro un anno Geowine,  permetterà una tracciabilità totale per i consumatori di Saint-Mont, un vino della cooperativa di Gers Plaimont. Gli amatori potranno degustare via internet con il vignaiolo che ha coltivato la vite.

Lanciato in settembre 2008 con un budget di 3 milioni di euro e la colaborazione di Agrimip Innovation, questo sistema integrato di geotracciabilità, attualmente ancora in fase di test, permette non soltanto di certificare l’origine geografica dei vini, ma anche di fornire ai consumatori delle informazioni supplementari sulle pratiche di produzione del viticoltore.

In un panorama vinicolo talvolta un pò confuso, Plaimont comunica così la tipicità delle sue produzioni, valorizzando il territorio e tutto il processo di vinificazione.

Personalmente ho trovato questo articolo sull’edizione di luglio/Agosto de l’Espansion, ma devo dire che, collegandomi al sito, non l’ho trovato particolarmente aggiornato…

La notizia più recente risale ad ottobre 2009, ed è un comunicato assicura la geotracciabilità a partire dalla fine del 2010… staremo a vedere 😉